Modifiche al Testo Unico Sicurezza in materia di Sorveglianza Sanitaria

Il D. Lgs. n. 44/2020, in vigore dal 24 giugno 2020, ha apportato modifiche al D. Lgs. n. 81/08 – Testo Unico Sicurezza – in materia di protezione  dei  lavoratori  contro i rischi derivanti da un’esposizione ad agenti  cancerogeni  o mutageni durante il lavoro

In particolare, detta disposizione ha apportato novità relativamente alla sorveglianza sanitaria e, in dettaglio, alla disposizione di cui all’art. 242, c. 6 nei termini che seguono:

  • Vecchia formulazione: “Il medico competente fornisce ai lavoratori adeguate informazioni sulla sorveglianza sanitaria cui sono sottoposti, con particolare riguardo all’oppor-tunità di sottoporsi ad accertamenti sanitari anche dopo la cessazione dell’attività lavorativa.”
  • Nuova formulazione: “Il medico competente fornisce ai lavoratori adeguate informazioni sulla sorveglianza sanitaria cui sono sottoposti e, ove ne ricorrano le condizioni, segnala la necessità che la stessa prosegua anche dopo che è cessata l’esposizione, per il periodo di tempo che ritiene necessario per la tutela della salute del lavoratore interessato. Il medico competente fornisce, altresì, al lavoratore indicazioni riguardo all’opportunità di sottoporsi ad accertamenti sanitari, anche dopo la cessazione dell’attività lavorativa, sulla base dello stato di salute del medesimo e dell’evoluzione delle conoscenze scientifiche.”

Il Decreto in esame ha, inoltre, aggiornato gli Allegati XLII e XLIII del Testo Unico, apportando modifiche agli elenchi degli agenti cancerogeni o mutageni pericolosi.